mercoledì 16 settembre 2009

champions league: italiane, magro bilancio

Di Diego Del Pozzo

Bilancio abbastanza deludente, quello delle quattro squadre italiane impegnate nella fase a gironi della Champions League 2009-2010. La prima giornata, infatti, ha portato due pareggi casalinghi (Inter e Juventus), una sconfitta esterna (Fiorentina) e l'unica vittoria del solito Milan da esportazione.
Preoccupa, in particolare, il pari della Juve (1-1), ottimamente controllata a Torino da un Bordeaux tosto, veloce e ben messo in campo dall'allenatore Laurent Blanc: i francesi aspirano legittimamente al passaggio del turno, in un gruppo che dovrebbe avere nel ritrovato Bayern Monaco la favorita per il primo posto.
Di segno più positivo, invece, m'è sembrato il pareggio interno dell'Inter col fortissimo Barcellona campione in carica, che - pur giocando una partita in tono minore - ha portato a casa piuttosto agevolmente un buono 0-0. Il segno positivo, comunque, è rappresentato dall'inedita personalità dei nerazzurri, che pare stiano realmente prendendo le misure alla principale manifestazione calcistica continentale (nella foto qui sopra, un contrasto tra Samuel e Ibrahimovic). L'anno scorso, infatti, un match come questo - dominato per lunghi tratti dall'avversario - l'Inter lo avrebbe perso. Per ora, dunque, è bene accontentarsi di questo piccolo, ma evidente, passo in avanti.
Per quanto riguarda le altre due squadre italiane impegnate tra ieri e oggi, ho ben poco da dire: la Fiorentina continua a non mostrarsi adeguata a un palcoscenico come quello della Champions League, mentre il Milan non dovrebbe avere eccessivi problemi a passare il turno come seconda del suo gruppo (di livello bassino...) alle spalle del Real Madrid "neo-galactico".

4 commenti:

  1. Ciao Diego, mi trovo d'accordo a metà sulla tua "euro-analisi", riguardo a Juve e Fiorentina, direi che ci siamo ma sull'Inter.. devo dissentire notevolmente.
    Ieri sera ho visto una squadra che sulla carta è stata costruita per vincere la champions ma sul campo ha nettamente dimostrato che la mentalità europea è altra cosa.
    Più che un'attenta partita difensiva, la definirei una patetica apparizione da provinciale, l'approccio al match è stato squallido e il Barça ha acellerato e rallentato a suo piacimento.. sospetto un rigore per gli spagnoli e comunque la flebile reazione dell'Inter agli attacchi dei blaugrana mi ha indotto a pensare che Mourinho & C., non sono ancora pronti per stupire l'europa.
    Voto: rimandati (con molto amore da tifoso).

    RispondiElimina
  2. Come sai, non amo Mourinho. Anzi.
    Però, guardando in prospettiva la partita di ieri, fossi un tifoso dell'Inter sarei più fiducioso rispetto allo scorso anno.
    D'altra parte, nella passata Champions League i nerazzurri non sono riusciti a entrare nemmeno tra le prime otto squadre d'Europa, mentre il Barcellona è campione in carica (e si vede...). Tra l'altro, con Cambiasso e senza Muntari le cose dovrebbero migliorare ulteriormente (a me attizza molto un rombo con Stankovic a destra, Cambiasso centrale davanti alla difesa, Thiago Motta a sinistra e Sneijder dietro le due punte).
    Ciao.

    RispondiElimina
  3. Urka! Ma non è che ti candideresti a nuovo allenatore dell'Inter? Sei italiano e sei di gran lunga più simpatico di Mourinho! Ah già.. a Moratti non piacciono gli allenatori con una buona dose di umanità e di simpatia.. Simoni e Zaccheroni insegnano, ciao Diego e grazie dell'incoraggiamento.

    RispondiElimina
  4. Grazie a te per i complimenti. A presto.

    RispondiElimina